Il Sahel in mano al terrorismo islamico

Autore: - Sezione: Attualità
Il Sahel in mano al terrorismo islamico

In questi anni ho incontrato diversi esponenti dei governi africani in Burkina Faso, Niger e Mali, oltre ad avere presentato presso la commissione infanzia della camera dei Deputati (2013) l’unico documento relativo agli sviluppi dell’azione del sostegno a distanza in Africa, progetti sostenuti da privati e non da bandi o fondi pubblici.

Ho anticipato in Italia lo scontro e lo sviluppo dell’azione del fondamentalismo islamico nella fascia sottostante il deserto del Shael parlandone anche in Tv (LA7, Omnibus) e spiegando la reale motivazione del perché sono diminuiti gli sbarchi dei migranti. La mia tesi, verificata empiricamente in Burkina Faso, Niger e Mali è quella che le milizie Jihadiste si siano rinforzate e sono aumentate numericamente in questi ultimi due anni, con la fine della guerra in Siria, a causa della presenza nel sud del deserto di miliziani che, ben organizzati e con a disposizione denaro e armi, hanno indotto molti migranti a sposare la causa del terrorismo dando loro soldi da inviare a casa. Questa nuova situazione ha fatto piombare le popolazioni di questi tre paesi nel caos.
Nella visione olistica della situazione Africana da me presentata si identifica il continente nero come il prossimo campo di reale battaglia tra le potenze mondiali, da una parte le multinazionali americane e europee presenti per lo sfruttamento delle materia prime, dall’atra la Cina con ingenti investimenti per sviluppare i paesi in cui hanno rapporti bilaterali e, in futuro, trasferire molti dei loro cittadini in queste terre grazie a una programmazione governativa di ben 30 anni e dobbiamo tenere conto che i cinesi sono molto razzisti e chiusi nella loro cultura. Non va dimenticata la nuova presenza russa anch’essa alla ricerca di materie prime.
Il continente africano, territorio ricchissimo di materie prime è oggi paese di conquista e probabilmente sarà molto presto il posto in cui le sorti del futuro del mondo si giocheranno.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *